Dall'Italia a Madeira_italiani a madeira

Dall’Italia a Madeira con furore

Sono atterrata a Madeira per la prima volta nella mia vita in un nuvoloso pomeriggio di Aprile. Non sapevo quasi niente di quest’isola, non sapevo se avrei voluto viverci, e non avevo idea di cosa ne sarebbe stato del mio prossimo futuro. Non sapevo nemmeno che l’aeroporto di Madeira sia classificato tra i più pericolosi d’Europa – nonostante sia anche un’opera di ingegneria ed architettura riconosciuta a livello internazionale – altrimenti forse avrei fatto la clandestina sul traghetto.

Sono atterrata a Madeira per vedere se ci fosse un angolino per me. Un mese più tardi, ci sarei ritornata con 500kg di roba al seguito.

Continua a leggere