10 cose_italiani a madeira

10 cose che non sapevate su Madeira

Ecco a voi dieci curiosità di Madeira che scommetto non conoscevate! (tranne la decima, quella solo a me poteva sfuggire prima di trasferirmi sull’isoletta)

1. Madeira presenta ben sei climi differenti…

Maderia è un’isola semi tropicale e grazie al suo territorio montagnoso raccoglie ben sei differenti regioni climatiche! Sarà per questo che, in qualsiasi stagione, in almeno un angolo dell’isola splende sempre il sole. Il clima in generale temperato di questa regione le è valso il soprannome di “eterna primavera”.

2. …grazie ai quali si sviluppa il suo polmone verde.

La porzione più estesa di foresta Laurissilva, preziosa reliquia delle foreste plioceniche subtropicali, è localizzata proprio a Madeira, dove è stata è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1999. Queste foreste sono resti di una vegetazione che originariamente copriva buona parte del bacino del Mediterraneo, quando il clima della regione era più umido.

3. Vi si trovano piante ormai estinte…

Per restare in tema floreale, rinomati sono i giardini botanici di Funchal, dove il clima subtropicale unito al ricco terreno di origine vulcanica crea le perfette condizioni per la crescita di oltre 2500 piante esotiche. Alcune di esse, endemiche dell’isola, sono ormai estinte in natura, e preservate unicamente all’interno dei giardini stessi.

4. nonchè I cancelli dell’Inferno (?)

Quando i primi esploratori giunsero sull’isola nel 1419 osservarono sgomenti le ripide e selvagge scogliere di Madeira, che vennero scambiate per le porte di accesso ai gironi infernali. Oggigiorno quelle stesse scogliere costituiscono uno dei tratti caratteristici (e maggiormente apprezzati dai moderni esploratori) dell’isola di Madeira.

5. A Madeira c’è sempre un buon motivo per fare festa!

Che si parli di Carnevale, Festa dei Fiori, Festival dell’Atlantico o Natale, ogni ragione è buona per scendere in piazza a brindare e sparare due fuochi d’artificio. Un capitolo a parte, però, merita lo spettacolo pirotecnico più grande del mondo, organizzato per San Silvestro: tutta  Funchal si illumina per una celebrazione entrata di diritto nel Guinness dei Primati.

6. Madeira è la patria del pizzo

Il bordado (pizzo intessuto rigorosamente a mano) fa parte della storia e della cultura di Madeira fin dal 1850. Le fibre impiegate nell’industria del pizzo sono lino, seta, cotone ed organza; da esse vengono ricavate tovaglie da tavola, vestiti, camicie, lenzuola e delicati fazzoletti. Oggigiorno l’industria del bordado ha sede a Funchal, ma le bordadeiras produttrici di pizzo svolgono ancora il loro lavoro in casa propria, sparse per tutta l’isola, secondo l’antica tradizione. 

7. ed è uno dei posti migliori al mondo per avvistare le balene!

Le acque che circondano Madeira sono ricchissime di vita marina, ed è possibile avvistare volatili, delfini e ben 15 specie differenti di balene! Questi animali utilizzano infatti questo tratto di oceano come un passaggio sicuro per la migrazione e l’accoppiamento. La stagione migliore per gli avvistamenti delle specie migratorie va da giugno a settembre, mentre altre specie – come i capodogli – risiedono nelle acque dell’arcipelago per tutto l’anno.

8. Madeira è l’isola dei tunnel.

Se ne contano ben più di 100, concentrati principalmente sul versante meridionale dell’isola: la loro realizzazione, per lo più contemporanea a quella della via rapida – un’autostrada casalinga – risale appena ai primi anni del 2000. Senza di essi – e senza gli ancor più numerosi ponti e viadotti – gli spostamenti sul territorio montagnoso sarebbero molto più impervi e difficoltosi.

10. Il Madeirense più famoso del momento?

Scommetto che tutti lo conoscono. Chi non ha mai sentito nominare Cristiano Ronaldo? A Madeira il suo nome è circondato da un’aura dorata, che va dal museo a lui dedicato fino al lungomare di Funchal, dove si erge la statua che a suo tempo diede adito a varie facezie e dicerie, basate sulla taglia degli “attributi” del calciatore.

 

la-statue-de-cristiano-ronaldo-madere-taguee-au-nom-de-lionel-messi_0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>